Sismabonus 2017

La Legge di Bilancio 2017 (Legge 11 dicembre 2016 n.232) ha introdotto la possibilità di usufruire di incentivi fiscali per l’esecuzione di interventi edilizi finalizzati alla riduzione del rischio sismico.

Gli interventi devono riguardare immobili abitativi privati, o parti comuni, e immobili produttivi, in zona sismica 1, 2 e 3, ed essere realizzati tra gennaio 2017 e dicembre 2021, salvo proroghe.

La classificazione di vulnerabilità sismica della costruzione, ante e post intervento progettato e realizzato, deve risultare da una relazione asseverata da un tecnico professionista.

A seconda della riduzione di vulnerabilità sismica conseguita e delle parti di edificio interessate dall’intervento, i proprietari degli immobili hanno diritto alla detrazione fiscale delle spese sostenute dal 50% fino all’85% (parti comuni), su un limite massimo di spesa pari a 96.000 euro all’anno, per ogni unità immobiliare.

Un milione di avvisi dell’Agenzia delle Entrate per i fabbricati rurali

I fabbricati rurali, capaci di rendita autonoma, dovevano essere iscritti al Catasto fabbricati entro il 30 novembre 2012 come previsto dalla legge 214/2011 (conversione del DLgs 201/2011 art.13 comma 14 ter).

Per questo l’Agenzia delle Entrate ha comunicato che nei prossimi mesi avviserà i proprietari inadempienti, sollecitandoli a provvedere incaricando un professionista abilitato che dovrà presentare agli uffici del Territorio gli atti di aggiornamento cartografico e catastale, con un notevole risparmio sulle sanzioni dovute.

Restano esclusi dagli obblighi di accatastamento i fabbricati di cui all’art.3 comma 3 del DM 2 gennaio 1998 n.28.

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è possibile effettuare la ricerca delle particelle che devono essere aggiornate (link)

Quale aliquota IVA per una strada privata?

Il Giornale dell’Ingegnere di venerdì 9 giugno 2017 (a cui si rimanda per la lettura integrale dell’articolo) riporta un interessante parere su quale aliquota IVA è possibile applicare nella realizzazione di una strada privata.

La realizzazione di una strada – se effettuata ex-novo e se compresa nel titolo abilitativo edilizio – rientra nella definizione di “opere di urbanizzazione” e sconta l’aliquota del 10%.

Nel caso di strada è già esistente, le successive opere di manutenzione, consolidamento, ripristino e/o rifacimento del manto esistente, ecc., soggiaciono all’aliquota IVA ordinaria del 22%.

Infine, nel caso in cui si possa configurare una realizzazione ex-novo (ad esempio una modifica completa da strada sterrata a strada asfaltata) sarebbe applicabile l’aliquota IVA ridotta del 10%.

Salva

Ordigni bellici inesplosi in cantiere

Il Consiglio Nazionale Ingegneri ha recentemente pubblicato, aprile 2017, le linee guida sulla valutazione del rischio da ordigni bellici inesplosi.

A più di 70 anni dal termine del secondo conflitto mondiale, sul territorio nazionale vengono ancora trovati – ogni anno – migliaia di ordigni bellici inesplosi. Il Coordinatore della sicurezza ha l’obbligo, in fase di progettazione, di valutare il rischio di questi rinvenimenti e il rischio di esplosione da innesco accidentale.

Rivalutazione terreni e partecipazioni 2017

La Legge di Bilancio 2017 ha riporposto la possibilità, introdotta dalla legge finanziaria 2002 e successivamente prorogata nel tempo, di effettuare la rivalutazione contabile di terreni agricoli ed edificabili (art. 7 della L. 448/2001) e partecipazioni in società non quotate (art. 5 della L. 448/2001), posseduti a vario titolo (proprietà, usufrutto, superficie, enfiteusi…) alla data del 1/1/2017 .
I contribuenti che intendano usufruire di questa possibilità dovranno corrispondere una imposta sostitutiva entro il 30/6/2017, la cui aliquota sarà pari all’8% del valore dei beni da rivalutare stabilito attraverso una perizia giurata il cui termine ultimo per la redazione e giuramento è fissato anch’esso al 30/6/2017. L’imposta sostitutiva può essere rateizzata in tre rate annuali di pari importo con il pagamento, sulle rate successive alla prima, degli interessi nella misura del 3% annuo.